La via era smarrita (conclusione)

Le montagne erano a poche miglia eppure apparivano lontane, come presenze antichissime che vegliavano sugli uomini. Sciacquato il viso e cercando di rianimarsi con parsimonia di gesti scese nella sala comune della locanda dove il dottore lo attendeva. Assicuratosi che il domenicano non fosse a portata di orecchi gli diede le informazioni per arrivare ad [...]

Annunci

La via era smarrita (quinta parte)

Alla locanda presso cui alloggiava, all'altezza di un paese chiamato San Quirino, la notte si trattenne più del solito con gli avventori, un mercante della Carinzia, un frate domenicano di Padova e un dottore di Udine. Per placare il disagio che provava ordinò diverso vino e cominciò a farsi allegro e chiacchierone. Le candele si [...]

La via era smarrita (quarta parte)

Di fronte al fiume Tagliamento, mentre il rosso, l'arancione ed il viola componevano un affresco che nessuna mano umana avrebbe potuto ricopiare, osservava le acque che in rivoli si facevano strada nella bianca ghiaia, i boschi delle rive che diventano scuri ed il silenzio del regno visibile che aumentava. Sentiva l'indistinto brusio del regno invisibile [...]

La via era smarrita (terza parte)

Come al suo solito era silenzioso in mezzo agli altri avventori delle locande o nei mercati che incrociava, con cortesia rifiutava le insistenze delle merci e della carne offerte da venditori e donne di mondo, seguiva i suoi passi sempre però con attenzione ai discorsi della gente. Lentamente si stava accorgendo, e forse era questo [...]

La via era smarrita (seconda parte)

Apprezzava il silenzio più di ogni cosa, potersi sedere nelle campagne e osservare le colline che diventavano sempre più verdi ogni giorno, senza il rumore di garzoni, mercanti, prostitute. Seduto su di un sasso respirava la terra e ne traeva forza. In una tasca portava una figura intagliata nel legno, un Cristo di foggia orientale [...]

La via era smarrita (prima parte)

La via era smarrita. In mezzo alle piogge di aprile non esisteva che il suono del vento e dell'acqua che scendeva dal cielo, in lontananza colline e dietro montagne che portavano al nord, ma questi suoni erano quasi una forma di silenzio. Si era abituato a questa condizione, all'inizio era stata dura, per quanto avvertito [...]

Il giardino del benandante: gli sciamani in Friuli

Sono anni che mi imbatto in figure della mia regione, il Friuli, e che distrattamente passo oltre, magari leggendo di simili che appartengono all'Asia o alle Americhe. La parola sciamano richiama le foreste dell'Amazzonia e delle Ande o la Siberia, da cui la parola ha origine. Il nome infatti deriva dal tunguso saman e può [...]

La mano sinistra delle tenebre, Ursula Le Guin

La luce è la mano sinistra delle tenebre, E le tenebre la mano destra della luce. Due sono uno, vita e morte, e giacciono insieme come amanti in kemmer, come mani giunte, come la meta e la via. Recensire un libro o forse solo accennarlo, con pochi tratti, per mantenere viva la memoria dei capolavori [...]

Le vie

Libro e libero sono due parole molto simili e mi piace pensare che ci sia un perché. Mi è difficile fare recensioni, perché non voglio condizionare nessuno o riempire lo schermo di citazioni. Perché non parlare di libri con dei suoni o delle immagini, evocando così le emozioni che ci hanno suscitato senza riempire la [...]