Viaggiare e crescere

Foto di Valentina Cipolat Mis
Foto di Valentina Cipolat Mis

Gli alberi spogli ed il terreno umido quasi senza erba, il cielo velato di nuvole e pigrizia, le macchine che passano e ripassano, per il resto, sembra non accadere nulla, si compra e si vende, si vive come sempre. Eppure una sensazione cresce lentamente e si fa strada verso le parole, chiedendo qualcosa di più, qualcosa di meglio. La routine, la colazione in silenzio, la finestra che si apre e tutti quei piccoli gesti ripetuti rassicurano ma non soddisfano.

Bisogna lasciare questo mondo per trovarne un altro, dove il sangue torna a circolare, accendendo la curiosità, dove un turbinio di sensazioni scaraventa lontano i pensieri ricorrenti e nuove idee germogliano. Bisogna viaggiare!

Che sia un film di Hollywood o il romanzo appoggiato sul comodino, la storia è sempre quella, un essere umano che lascia le sue certezze e si imbarca in un viaggio da cui tornerà diverso: migliaia di volti e di possibili trame ma in fondo lo stesso bisogno di lasciare un luogo o un emozione che costringe per respirare la pienezza della vita.

Forse è questo il segreto del turismo, ripercorrere in piccolo e con tutta la sicurezza del mondo moderno il solito viaggio che noi umani percorriamo da sempre, in sogno o appena ci svegliamo.

Il viaggio verso mete lontane o anche dietro l’angolo è una chiamata all’avventura che ci porta via dalle sveglie, dal solito caffé, dai soliti volti che incrociamo in cucina e poi per strada o al lavoro. Ha le sue sfide, le sue prove, i suoi alleati o i suoi nemici e poi, quand’è concluso, si torna a casa con un graal fatto di ricordi o di piccoli oggetti. Il grande viaggio è quello da cui torniamo diversi, cresciuti.

Un bravo narratore sa tutto questo per istinto, perché in fondo la storia è sempre quella e fa parte della nostra vita, dove forse non ci sono Troll o Draghi ma sicuramente molte lotte, molte sfide, che servono a porci di fronte ai nostri lati “oscuri”, al nostro egosimo, non per una qualche cattiveria del destino ma per una forma di saggezza intrinseca alla vita, il cui scopo è l’evoluzione.

Il turismo lo sa tutto questo? I viaggi di oggi sono delicati e quasi senza rischi come un pasticcino mangiato con parsimonia in una pâtisserie francese ma la fame dell’uomo è enorme, perché da bambino qual’è deve crescere e diventare adulto. Un turismo nuovo o diverso non può solo far vivere dei luoghi ma deve permettere esperienze che trasformano, che mettano in gioco il viaggiatore, che lo facciano tornare a casa con dei buoni propositi e anche dei buoni dubbi. Ho l’impressione che il turismo del futuro prossimo, il turismo di un mondo in grande cambiamento (o crisi, come la volete chiamare) non sarà una passeggiata ma un viaggio di piccoli eroi che cercano risposte e non solo selfie.

 

 

Annunci

4 thoughts on “Viaggiare e crescere

      1. tu hai ragione Luca, ma io sono un’osservatrice della nostra realtà…forse un po’ pessimista in questo periodo…ma mi accorgo che, dopo tutte le conquiste storico-culturali, l’uomo utilizza sempre meno le proprie risorse e trova molti surrogati di realtà per placare i suoi dubbi. L’insoddisfazione resta, hai ragione tu, ma forse non è più così forte come lo era in chi si è messo in gioco molti anni prima di noi.

  1. Sono anni di cambiamento e sempre meno ci si potrà gingillare con i surrogati. Anche se si compra e si vende come sempre il mondo sta cambiando molto. Il pessimismo lo conosco bene e lo sento anche in giro ma è un lusso che non posso permettermi alla mia età.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...